Migranti: nave Banksy, ‘salvati altri 130, almeno un morto’

La richiesta di aiuto con un tweet ‘Non riusciamo più a manovrare’

Migranti: Banksy finanzia nave per soccorso in mare © ANSA

Almeno un migrante è morto dopo che la nave umanitaria finanziata dall’artista di strada britannico Banksy ha effettuato ieri un’operazione di salvataggio nel Mediterraneo. La nave battente bandiera tedesca ‘Louise Michel’ “ha assistito altre 130 persone, tra cui molte donne e bambini, e nessuno ci sta aiutando”, ha detto l’organizzazione in un tweet.

“C’è già un morto sulla barca. Abbiamo bisogno di assistenza immediata”, ha aggiunto l’1equipaggio della ‘Louise Michel’ dicendo di essere vicina a uno “stato di emergenza”. 

La nave battente bandiera tedesca ‘Louise Michel’, continua a lanciare SOS via Twitter, denunciando una situazione a bordo ormai insostenibile ed una Europa che “ignora i nostri appelli di emergenza per un’assistenza immediata”. A bordo, come è noto, c’è già un morto e l’organizzazione nel suo ultimo tweet di qualche minuto fa ha rinnovato il suo appello: “Ripetiamo – si legge nel messaggio – #LouiseMichel non riesce a manovrare in sicurezza e nessuno viene in nostro aiuto. Le persone soccorse hanno subito un trauma estremo, è ora che vengano portate in un posto sicuro. Abbiamo bisogno di assistenza immediata”. Nel tweet precedente l’organizzazione aveva spiegato che la nave “non è più padrona delle sue manovre a causa del ponte sovraffollato”. A bordo c’è un equipaggio di 10 persone, si legge in un altro tweet: su una imbarcazione di 30 metri ci sono “219 sopravvissuti, 33 si trovano ancora su una zattera di salvataggio + una persona deceduta in un sacco per cadaveri”. Molti dei sopravvissuti hanno “bruciature da carburante – spiega poi l’organizzazione – sono in mare da giorni e ora vengono lasciati soli in una zona di ricerca e salvataggio. Ue (!)… Fate il vostro lavoro. Salvateli”.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: