Il ritual beauty prima di dormire. Come ci si prepara e quali sono le “ slow down “ per aiutare il sonno

Rigenerare pelle, corpo e mente con il rituale beauty della sera: bagno in vasca, skincare giusto, due gocce di profumo come Marylin. Parole d ’ordine: “slow down”, per favorire il sonno

Nella notte «passiamo la metà della vita, ed è la metà più bella davvero» scrisse Goethe. Più bella sicuramente dal punto di vista biologico: è nelle ore del riposo che succedono le piccole “magie” che tengono la pelle giovane, la mente serena, le cellule vitali.La sera diventa quindi un momento prezioso da sfruttare, nella routine di beauty e skincare.

Perché la notte (e la sera) fanno belle

Nel 2017 il Nobel per la Medicina è stato vinto da tre scienziati che hanno capito come funziona il ritmo circadiano, il cosiddetto orologio biologico interno che sull’alternanza di luce e buio regola l’intero ciclo vitale, dai livelli ormonali al metabolismo. Anche, quindi, bellezza e meccanismi dell’invecchiamento.

«Tra le 21 e le 23 si attiva la melatonina,l’ormone del sonno: dirigerà i “lavori notturni” insieme all’hGH, l’ormone umano della crescita, che invece stimola la rigenerazione cellulare, al suo massimo tra le 23 e le 4» spiega la dottoressa Ámina Alani, specialista in psiconeuroendocrino-immunologia. Sincronizzarsi con questo ritmo funziona: al “sonno di bellezza” crede perfino la scienza. Certo, predisporvisi è altrettanto importante: questione di piccoli gesti ogni sera, effetto reset.

Corpo rilassato, mente serena: un bagno ai sali di Epsom

Nei rituali della sera irrinunciabili di alcune donne di successo, da Oprah Winfrey a Michelle Obama, passando per Lady Gaga, c’è una voce comune: bagno serale tiepido ai Sali di Epsom.«È la cosa migliore da inserire nella routine per chi cerca relax racconta Gwyneth Paltrow via Instagram. Per l’alto contenuto di magnesio,questa tipologia di sale inglese è infatti unpotente disintossicante: elimina le tossine,riduce dolori e gonfiori alle gambe, cellulite, stress e attenua l’emicrania. «Un quarto d’ora e la giornata evapora» conferma Cindy Crawford.

«La temperatura corporea ideale per il riposonon è mai elevata, anzi, scende leggermente: chi ama la vasca bollente, meglio la programmi almeno un’oretta prima di coricarsi» aggiunge la dottoressa Alani.

E prima di entrarci, altro gesto beauty che fa meraviglie: spegnere il cellulare. Impostare orari “off ” dallo schermo a luce led è fondamentale: uno studio di Harvard del 2014 ha verificato che l’esposizione serale alla luce bluinibisce anche del 50 per cento il rilascio della melatonina, influendo significativamente sui meccanismi del riposo.

Bodycare cocoon

Dopodiché, un bell’auto-massaggio corpo con una crema cocoon, avvolgente e sensoriale, è d’obbligo. Via libera a texture soffici e fondenti, profumate, super sensoriali, come un tuffo tra burri nutrienti di cocco, cacao, karité. Effetto abbraccio della buonanotte.

L’alleato della pelle: il retinolo

La pelle “ha sonno” verso le 21, dice la cronocosmesi. È questa la fase in cui è particolarmente ricettiva ai trattamenti: è più permeabile e ricettiva, e, altro lato della medaglia, più sensibile e sottile. Oltre a un’accurata detersione, gesto primario ogni fine giornata, esiste un ingrediente skincare che al risveglio sembra aver fatto miracoli: il retinolo.

«Derivato della vitamina A, è un attivo tipicamente notturno per via della sua capacità di potenziare la produzione di collagene ed elastina e stimolare il rinnovamento cellulare: può fare davvero la differenza sia sulla pelle matura sia in presenza dei primi segni dell’età» spiega la dottoressa Barbara Sturm, facialist di Hollywood che lo usa nei suoi trattamenti effetto glow. «Una consulenza dermatologica aiuta a capire come introdurlo gradualmente sera dopo sera e a testare la reattività della pelle, che di giorno va sempre protetta con adeguato Spf».

Le pelli secche troveranno invece conforto in un olio viso: ricco di vitamine e antiossidanti, aiuta a smaltire i radicali liberi, a nutrire, riparare e migliorare l’elasticità. E le maschere notte, formulate per essere ricche, potenti e senza risciacquo fino al mattino, restano il plus da regalarsi almeno nelle sere del weekend.

Due gocce di profumo, o olio essenziale

Marilyn a letto ci andava nuda, con indosso solo qualche goccia di Chanel N°5. Ora la maison reinterpreta quel vezzo, regalando a tutte un jus con cui sentirsi un po’ dive, ogni sera: Coco Mademoiselle L’Eau Privée, «nuova fragranza-rituale pensata per essere vaporizzata sulla pelle e sui capelli come ultimo gesto prima di andare a dormire» racconta Olivier Polge, Parfumeur Créateur della maison, che stempera gelsomino e petali di rosa su un fondo di morbido patchouli.

Indossare qualche goccia profumata prima di coricarsi, però, non è solo un vezzo. Gli oli essenziali organici sono utili per chi cerca un boost calmante mirato. Si applicano con unalieve pressione delle dita, in senso circolare: la medicina tradizionale cinese vuole che il micromassaggio abbia benefici straordinari su tutto il corpo.

Il micromassaggio

Massaggiare qualche goccia sui polsi, area corrispondente al cuore, fa fluire l’energia positiva; al centro dello sterno sblocca tranquillità e fiducia, tra la nuca e la prima vertebra scioglie le tensioni, sull’articolazione della mandibola placa le ansie e i pensieri ricorrenti.

Pelle sensibile? Gli stessi aromi si possono disperdere in camera da letto tramite diffusori.È boom di vendite, in questo periodo, diPalosanto, l’antico incenso che secondo le credenze Inca elimina le cattive energie dagli ambienti e combatte l’ansia. Quattro minuti e gli effluvi dovrebbero fare effetto. Il riposo fa il resto.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: