Serie A: Sampdoria-Milan 1-2, Pioli riprende la fuga in campionato

I rossoneri tornano a +5 sull’Inter grazie a Kessie (rigore) e Castillejo. Di Ekdal il gol dei blucerchiati

Nel posticipo della 10a giornata di Serie A, il Milan batte 2-1 la Sampdoria e riprende la fuga in campionato, con 5 punti sull’Inter e 6 su Juve e Napoli. A Marassi decidono le reti di Kessie su rigore al 45′ (tocco di braccio di Jankto) e Castillejo (77′), entrato pochi secondi prima al posto di Saelemaekers. All’82’ accorcia Ekdal. Per i rossoneri anche due pali, prima di Tonelli che nega sulla linea un gol a Rebic (39′) e poi di Tonali al 47′.

LA PARTITA
Il Milan è inarrestabile, conquista l’ottava vittoria in 10 partite e rimette tutte in riga le rivali, a partire dai cugini dell’Inter. Una marcia trionfale quella dei rossoneri, che non hanno passaggi a vuoto nemmeno senza tre colonne come Ibrahimovic, Bennacer e Kjaer, grazie a uno splendido collettivo plasmato al meglio da Pioli, al ritorno in panchina per la prima volta in campionato dopo il coronavirus. E che la mano del tecnico sia fondamentale in questa cavalcata lo dimostra la sostituzione di Saelemaekers con Castillejo: la spagnolo, entrato da pochi secondi, realizza il gol del 2-0. Il Diavolo, contro una Samp nel primo tempo troppo rinunciataria, è padrone del campo e soffre solo a inizio e fine partita. Il primo squillo, infatti, è dei padroni di casa, ma Donnarumma con un colpo di reni salva sul colpo di testa di Tonelli (8′). Il Milan è in pieno controllo, ma non trova lo spunto giusto, fino alle fine del primo tempo, quando Rebic sul lungo lancio di Theo Hernandez controlla bene, salta Audero e solo un prodigioso intervento di Tonelli sulla linea evita il gol con l’aiuto del palo. Poi Calvarese punisce con il rigore un fallo di mano di Jankto sul colpo di testa di Hernandez nei pressi del vertice dell’area e il la prima frazione si chiude con il rigore vincente di Kessie.

La ripresa inizia con Hauge al posto dello spento Brahim Diaz e con Ekdal e Damsgaard al posto dei disastrosi Adrien Silva e Jankto. E’ una Samp un po’ più coraggiosa, ma è sempre il Milan ad andare vicino al gol con un esterno piazzato di Tonali ribattuto dal palo. Donnarumma non corre pericoli e la mossa di Pioli (Castillejo per Saelemaekers) regala il 2-0: bello l’assist dal fondo di Rebic per il sinistro di prima intenzione dello spagnolo. I blucerchiati hanno un sussulto all’82, quando Ekdal in acrobazia di destro batte Donnarumma sugli sviluppi di un corner. Ma a questo Milan è quasi impossibile fare gol su azione (solo Lukaku e Mertens ce l’hanno fatta) e negli ultimi minuti Romagnoli e compagni gestiscono senza affanni. Al triplice fischio è tripudio rossonero: a suon di record, la scudetto non è più solo un sogno. 

LE PAGELLE
Jankto 4,5 
– Spostato a destra per arginare Theo Hernandez, regala al Milan il rigore che sblocca la gara. Poco dopo, per la frustrazione, si becca anche un giallo per un fallo sul francese. Mai pericoloso e propositivo, Ranieri lo lascia nello spogliatoio.
Quagliarella 5 – Dura la vita quando là davanti sei tutto solo e nessuno ti dà una mano. Stretto nella morsa Romagnoli-Gabbia non combina un granché.
Tonelli 7 – Nel primo tempo va vicinissimo al gol con un colpo di testa, poi il salvataggio sulla linea su Rebic è spettacolare e vale come una rete. Il migliore dei suoi.

Kessie 7 – Si becca un giallo dopo pochi minuti che non condiziona la sua gara di grande quantità. Al suo fianco cresce bene anche Tonali. Freddo dal dischetto dopo l’errore con la Fiorentina.
Rebic 6,5 – Si accende a sprazzi, non tocca tanti palloni, ma quando lo fa è pericoloso: Tonelli gli nega il gol nel primo tempo, nel secondo regala a Castillejo un assist al bacio.
Brahim Diaz 5 – Prova opaca dello spagnolo, che Pioli piazza alle spalle di Rebic. Nessuno spunto degno di nota e rimane negli spogliatoi all’intervallo. Eì più incisivo quando entra a gara in corso.

IL TABELLINO


SAMPDORIA-MILAN 1-2
Sampdoria (4-4-1-1):
Audero 6; Bereszynski 6 (19′ Colley 6), Ferrari 6, Tonelli 7, Augello 5 (37′ st Leris sv); Jankto 4,5 (1′ st Damsgaard 5,5), Thorsby 6,5, Adrien Silva 5 (1′ st Ekdal 6,5), Candreva 5,5; Gabbiadini 5, Quagliarella 5 (12′ st La Gumina 5). A disp.: Letica, Ravaglia, Yoshida, Regini, Rocha, Verre, Ramirez. All.: Ranieri 5,5
Milan (4-2-3-1): G. Donnarumma 6,5; Calabria 6, Romagnoli 6,5, Gabbia 6,5, Hernandez 6,5; Kessie 7, Tonali 6,5; Saelemaekers 6 (31′ st Castillejo 6,5), Calhanoglu 6 (45′ st Krunic sv), Brahim Diaz 5 (1′ st Hauge 6); Rebic 6,5. A disp.: Tatarusanu, A. Donnarumma, Duarte, Kalulu, Conti, Dalot, Mionic, Maldini, Colombo. All.: Pioli 6,5
Arbitro: Calvarese
Marcatori: 45′ rig. Kessie (M), 32′ st Castillejo (M),
Ammoniti: Kessie (M), Adrien Silva (S), Jankto (S)
Espulsi:
Note:

LE STATISTICHE
• Il Milan ha ottenuto otto successi nelle prime 10 gare di questa Serie A: in 86 precedenti partecipazioni alla competizione, i rossoneri hanno fatto meglio a questo punto del campionato solo nel 1954/55 (nove vittorie).
• Il Milan ha stabilito il proprio record di partite consecutive in gol nel massimo campionato (30).
• Il Milan ha segnato almeno due reti per 12 gare consecutive di Serie A, stabilendo il proprio record di partite consecutive con 2+ reti realizzate nella competizione.
• Il Milan ha ottenuto il suo settimo successo esterno consecutivo in Serie A: i rossoneri hanno fatto meglio solo una volta nella storia (nove vittorie di fila in trasferta nel 1993, con Fabio Capello in panchina).
• Dal suo arrivo al Milan nella stagione 2017/18, Franck Kessié ha segnato 20 gol in Serie A: nessun rossonero ha fatto meglio nel periodo, al pari di Zlatan Ibrahimovic.
• Kessié ha segnato quattro gol in questo campionato in 10 presenze, eguagliando il numero di reti realizzate nell’intero campionato 2019/20 in 35 gare disputate.
• Kessié è l’unico centrocampista centrale ad aver segnato almeno quattro gol in ciascuna delle ultime cinque stagioni (dal 2016/17) nei cinque maggiori campionati europei.
• Il 50% dei gol segnati in Serie A da Kessié sono arrivati dal dischetto (13 su 26).
• Samu Castillejo è il giocatore subentrato ad aver trovato il gol più rapidamente in questa Serie A (34 secondi).
• Dal suo arrivo alla Sampdoria nel 2018/19 ad oggi, nessun portiere ha fronteggiato più rigori in Serie A di Emil Audero (19, al pari di Juan Musso).
• Nessuna squadra ha ricevuto più calci di rigore a favore del Milan nei top-5 campionati europei in corso (otto, al pari del Leicester).
• Solo la Lazio (nove volte) è stata salvata da un legno in più occasioni della Sampdoria (sette) in questa Serie A.
• Albin Ekdal ha trovato il suo primo gol in Serie A da maggio 2015 contro il Parma, con la maglia del Cagliari.
• Ekdal è il secondo giocatore svedese ad aver trovato il gol in Serie A con la maglia della Sampdoria dopo Lennart Skoglund (15 reti con i blucerchiati negli anni ’60).

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: